Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

L'Ossitocina per via intranasale riduce l’assunzione di cibo e migliora l’omeostasi glicemica negli uomini obesi


Tra gli uomini con obesità, la somministrazione intranasale di Ossitocina ha prodotto una ridotta assunzione di cibo rispetto agli uomini che hanno ricevuto per via intranasale un placebo.

Negli uomini di peso normale, la riduzione indotta dalla Ossitocina nel consumo di calorie è stata limitata agli spuntini, indicando che l'effetto inibitorio dell'Ossitocina sulla assunzione di cibo è generalmente maggiore nei soggetti obesi rispetto ai soggetti di peso normale.

I ricercatori hanno analizzato i dati di 18 uomini sani con obesità e 20 uomini di normale peso corporeo.
Ogni persona ha partecipato a due sessioni sperimentali distanziate di 10 giorni l’una dall’altra dopo il digiuno notturno.
I partecipanti hanno ricevuto per via intranasale 24 UI di Ossitocina ( 0.6 mL Syntocinon ) oppure placebo mediante 6 singoli puff ( inalazioni ) ( 3 per narice in modo alternato ) a intervalli di 30 secondi.
45 minuti dopo, i partecipanti hanno fatto una prima colazione a buffet, a propria scelta, e in seguito ( 95 minuti dopo la somministrazione di Ossitocina ), con il pretesto di un test del gusto, è stato loro offerto uno spuntino.

Gli uomini sono stati sottoposti a test di funzionalità olfattiva ed è stata valutata la sensazione di fame, l'umore, il benessere soggettivo.
La spesa energetica a riposo e il quoziente respiratorio sono stati misurati mediante calorimetria indiretta.

I ricercatori hanno scoperto che, tra gli uomini con obesità, l'Ossitocina ha ridotto il consumo globale di cibo durante la colazione a buffet di circa il 10% ( P inferiore a 0.04 per il trattamento ), rispetto al placebo, mentre gli uomini di peso normale non hanno modificato il proprio consumo a colazione.

Sia gli uomini con obesità sia quelli di peso normale trattati con l'Ossitocina hanno ridotto l’assunzione dello spuntino del 22% ( P inferiore a 0.001 per il trattamento ).

In entrambi i gruppi, la somministrazione di Ossitocina non ha influenzato il dispendio energetico a riposo, ma ha esercitato un costante effetto soppressivo sulla glicemia post-prandiale e sulla secrezione dell’asse ipotalamo - ipofisi - surrene.

E’ noto da esperimenti su animali che l’Ossitocina inibisce l'alimentazione dopo la somministrazione intracerebroventricolare ma anche periferica.
Negli esseri umani, la maggior parte della ricerca si è concentrata sugli effetti psicosociali della Ossitocina, mentre il suo impatto sul comportamento alimentare e il controllo metabolico sta ricevendo solo ora attenzione.

L'Ossitocina per via intranasale riduce in acuto l'assunzione di cibo negli uomini normopeso e, ancor di più, negli uomini obesi, e sembra avere un profilo di effetti collaterali molto favorevole.
L'Ossitocina per via intranasale potrebbe rappresentare un efficace trattamento dell’obesità e dei disturbi correlati; è anche in grado di esercitare effetti migliorativi sulla omeostasi glicemica.
Sono, tuttavia, necessari studi a lungo termine in un numero maggiore di soggetti per verificare il potenziale impiego della Ossitocina in clinica. ( Xagena2016 )

Fonte: International Journal of Obesity, 2016

Endo2016 Farma2016


Indietro