Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Pneumobase.it

Cagrilintide una volta a settimana per la gestione del peso nelle persone con sovrappeso e obesità


L'amilina naturale è un ormone pancreatico che induce la sazietà. Cagrilintide è un analogo dell'amilina a lunga durata d'azione sotto indagine per la gestione del peso.

È stata valutata la relazione dose-risposta di Cagrilintide per quanto riguarda gli effetti sul peso corporeo, la sicurezza e la tollerabilità.

È stato condotto uno studio di fase 2 multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo e con controllo attivo, per la determinazione della dose in 57 centri tra cui ospedali, cliniche specializzate e centri di assistenza primaria in 10 Paesi ( Canada, Danimarca, Finlandia, Irlanda, Giappone, Polonia, Serbia, Sud Africa, Regno Unito e Stati Uniti ).

I partecipanti idonei erano adulti di almeno 18 anni senza diabete, con un indice di massa corporea [ BMI ] di almeno 30 kg/m2 o almeno 27 kg/m2 con ipertensione o dislipidemia.
I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale ad autoiniezioni sottocutanee di Cagrilintide una volta alla settimana ( 0.3, 0.6, 1.2, 2.4 o 4.5 mg ), Liraglutide ( Saxenda ) una volta al giorno 3.0 mg oppure placebo corrispondente al volume ( per 6 gruppi placebo ).

Lo studio ha avuto un periodo di trattamento di 26 settimane, incluso un periodo di aumento della dose fino a 6 settimane e un periodo di follow-up di 6 settimane senza trattamento.
I partecipanti e i ricercatori erano in cieco per il trattamento in studio assegnato rispetto al trattamento attivo verso trattamento con placebo ( dati aggregati ), ma non per i diversi trattamenti attivi.

L'endpoint primario era la variazione percentuale del peso corporeo dal basale alla settimana 26, valutata in tutti i partecipanti assegnati in modo casuale in base alla stima del prodotto dello studio ( presumendo che tutti i partecipanti fossero aderenti al trattamento ) e alla stima della politica di trattamento ( indipendentemente dall'aderenza al trattamento ).

La sicurezza è stata valutata in tutti i partecipanti che hanno ricevuto almeno una dose di trattamento randomizzato.

Tra marzo e agosto 2019 sono stati assegnati in modo casuale 706 partecipanti a Cagrilintide 0.3-4.5 mg ( 100-102 per gruppo di dose ), 99 a Liraglutide 3.0 mg e 101 a placebo.

L'interruzione permanente del trattamento ( n=73, 10% ) si è verificata in modo simile in tutti i gruppi di trattamento, principalmente a causa di eventi avversi ( n=30, 4% ).
In totale, 29 partecipanti ( 4% ) si sono ritirati dallo studio.

Secondo la stima del prodotto di studio, le riduzioni percentuali medie di peso rispetto al basale sono state maggiori con tutte le dosi di Cagrilintide ( 0.3-4.5 mg, 6.0%-10.8%, 6.4-11.5 kg ) rispetto al placebo ( 3.0%, 3.3 kg; intervallo di differenza di trattamento stimato 3.0%-7.8%; P minore di 0.001 ).
Anche le riduzioni di peso sono state maggiori con Cagrilintide 4.5 mg rispetto a Liraglutide 3.0 mg ( 10.8%, 11.5 kg, vs 9.0%, 9.6 kg; differenza di trattamento stimata 1.8%, P=0.03 ).
Simili riduzioni della perdita di peso sono state osservate con la stima della policy di trattamento.

Gli eventi avversi più frequenti sono stati disturbi gastrointestinali ( nausea, costipazione e diarrea ) e reazioni al sito di somministrazione.
Più partecipanti che hanno ricevuto Cagrilintide 0.3-4.5 mg hanno manifestato eventi avversi gastrointestinali rispetto al placebo ( 41-63% vs 32% ), principalmente nausea ( 20-47% vs 18% ).

Il trattamento con Cagrilintide nelle persone con sovrappeso e obesità ha portato a significative riduzioni del peso corporeo ed è stato ben tollerato.
I risultati supportano lo sviluppo di molecole con nuovi meccanismi d'azione per la gestione del peso. ( Xagena2021 )

Lau DCW et al, Lancet 2021; 398: 2160-2172

Endo2021 Farma2021



Indietro